Giorni Felici

Obiettivo 20% di massa grassa: raggiunto!

Giorno felice #911

A ben vedere, questo sembra quasi sia diventato un book blog, visto che quasi tutti gli ultimi post sono incentrati sulle mie letture più recenti.

Oggi però vorrei tornare a parlare del mio percorso, perchè ci sono piccoli, significativi, miglioramenti, che mi rendono particolarmente orgogliosa di me stessa.

Il coach ha acquistato un nuovo software che ci permette di controllare la mia alimentazione come mai prima d’ora. In pratica lui imposta i miei dati, con la mia esatta massa magra, e a seconda dell’obiettivo che ci siamo prefissi, il software elabora l’alimentazione ottimale per me.

Poichè il mio obiettivo è quello di perdere massa grassa, la dieta che seguo è di tipo ketonico, in pratica mangio una alta percentuale di grassi, che mi aiutano a bruciare esclusivamente grasso, preservando il muscolo.

Posso accedere autonomamente al mio profilo personale e modificare il tipo di alimento per ogni pasto, ma le quantità vengono automaticamente ricalcolate in funzione delle caratteristiche dell’alimento scelto.

Vi faccio un esempio?

Questa sera la cena prevede:

  • 170 gr di petto di tacchino
  • 30 gr di olio di oliva
  • 75 gr di carote

Se però non volessi le carote, ma la lattuga, le quantità cambierebbero e sarebbero le seguenti:

  • 150 gr di petto di tacchino
  • 30 gr di olio
  • 260 gr di lattuga

Come vedete in questo secondo caso dovrei mangiare un po’ meno carne, perchè evidentemente nella lattuga è compresa una quota di qualcosa che fa abbassare la quantità di tacchino.

All’inizio abituarmi a questa nuova alimentazione non è stato semplicissimo, perchè dopo due anni e mezzo di dieta ho dovuto prendere in mano la bilancia e pesare ogni singolo alimento, mentre prima andavo ad occhio. Dopo le prime settimane un po’ faticose, ora mi trovo molto bene con questo nuovo metodo, perchè mangio a sufficienza e in continuazione e sono sempre sazia.

Il coach ha studiato per me tre menù differenti, rispettivamente per i giorni di allenamento, i giorni di riposo e il giorno in cui ho la ricarica di carboidrati (il sabato).

Per ricarica di carboidrati intendo una abbondante porzione di patate al forno, il sabato sera: 350 grammi di patate, che a volte ho difficoltà a finire.

Invece la cena dei giorni di riposo, quelli in cui non mi alleno (mercoledì e domenica), dopo carne e contorno, mi toccano almeno 20 gr di cioccolato Lindt fondente all’85%, da lasciar sciogliere sulla lingua, non da masticare. Spettacolo! Quanto era che non mangiavo cioccolato? Un secolo. E ora lo mangio due volte a settimana. Evviva.

Contemporaneamente il coach ha preso a misurarmi tutti i venerdì mattina e inserendo le nuove misure sul suo fantastico software delle misurazioni, ogni settimana tiene sotto controllo non solo i miei progressi, ma anche le mie “criticità“.

Proverò a spiegarvi.

Da quando ho iniziato, lui mi misura con le pliche a 16 punti, e il suo software per due anni ha detto che la mia criticità maggiore era nei carboidrati, ma naturalmente erano tante le criticità. Quando questa estate ho smesso di mangiare la frutta e ho limitato i carboidrati alle verdure, in percentuali minori, eliminando anche la pizza settimanale, quella non è stata più una criticità, perchè i valori sono tornati nella norma. Ho perso diversi chili in pochi mesi e poi mi sono fermata. Finchè lui ha scoperto che erano cambiate le mie criticità e mi ha dato un nuovo protocollo di integratori, perchè ho difficoltà col recupero e col sonno, ma anche col fegato, appesantito da anni di stravizi e messo in difficoltà dall’asportazione della cistifellea di due anni fa.

Con il nuovo protocollo di integratori le cose sono subito migliorate e ho ripreso a scendere. In due settimane ho perso 1.5kg, che sono tanti dopo che ne hai persi già 60.

La cosa più bella è che sta scendendo la mia massa grassa e se all’inizio, nell’estate del 2014, il grasso era il 56% della mia composizione corporea, ora posso andare molto orgogliosa del mio 20.7% di massa grassa.

Quando ero al 27% il coach mi disse che una persona al 20% di massa grassa è considerata “normale“, ma che per me lui aspirava a portarmi al 15%, che è per lui sinonimo di “in forma” o “atleta“.

grasso_corporeo_donne

Ora, dopo tutto questo tempo, dopo essere riuscita a perdere 61.5kg di peso in due anni e mezzo, dopo aver sconfitto l’obesità, dopo essermi allenata con tanta costanza e durezza, i miei obiettivi sono molto più ambiziosi di quelli che avevo ad agosto 2014.

Quando ho iniziato volevo solo arrivare a pesare 80kg.

Ora non mi importa più il numero sulla bilancia. Quello che mi importa è vedere il mio corpo tonico, in forma, e possibilmente muscoloso. So di avere una buona massa muscolare e l’idea che si possa vedere mi riempie di orgoglio. Quando mi specchio e vedo il bicipite, oppure il trapezio e il deltoide definiti, quando mi siedo e vedo guizzare il quadricipite…. non capite che emozione, che soddisfazione.

Ho anche una gran quantità di pelle in eccesso e di cuscinetti di cellulite sui fianchi, ma ho anche gli addominali in evidenza, il polpaccio che si gonfia quando porto scarpe con i tacchi e sento le ossa del bacino sporgere.

So che non potrò mai avere un corpo scolpito, perchè vi confesso che il mio 20.7% non somiglia molto a quello delle foto. La verità è che ho più pelle in eccesso, ma anche più muscoli. Io vengo da una vita da obesa, queste signorine in foto evidentemente no. E per quanto io possa porre rimedio alla mia vecchia vita, mi porterò per sempre dietro i segni dei “bei tempi andati” e mi toccherà imparare a convivere con pelle in eccesso e smagliature.

Rimane il fatto che il peso riportato sulla bilancia è solo un numero che dice poco di me, di come sono e di chi sono. Mentre la percentuale di massa grassa dice molto di più di quanto lavoro ho fatto per raggiungere questi risultati.

Di solito i dietologi calcolano l’indice di massa corporea, una semplice proporzione tra peso e altezza, molto, molto fuorviante, proprio perchè non tiene conto della composizione corporea.

Per capirci, in base al mio peso attuale (76.5kg) e alla mia altezza, il mio IMC è 29.69 e sono SOVRAPPESO. Mentre la settimana scorsa, quando pesavo 77kg, ero OBESA di 1 CLASSE.

Se invece andiamo a prendere in considerazione la mia percentuale di massa grassa, risulto essere una ATLETA.

tabella-massa-grassa

Allora, decidetevi: sono una ATLETA o una OBESA? Oppure sono una ATLETA OBESA?

Quello che posso dirvi io è come mi sento: ALLA GRANDE.

Mi sento in forma, sono piena di energie, ho tanta forza e mi sento ringiovanita di 10 anni. Mi piacerebbe moltissimo vedere come sto con il 15% di massa grassa addosso e quindi lavoro per questo obiettivo con una tenacia che non credevo di avere.

La mia vita è completamente cambiata in questi due anni e mezzo e non solo perchè peso molto molto meno, ma soprattutto perchè ho scoperto di essere una persona forte, determinata e molto più in gamba di quanto non penassi.

E ho preso questo strano vizio di volermi bene, rispettando le mie idee e il mio modo di essere, senza pensare continuamente di valere meno degli altri.

Annunci

7 thoughts on “Obiettivo 20% di massa grassa: raggiunto!

  1. che brava, Sandra, la tua costanza e il tuo impegno ti stanno decisamente premiando!
    (mi sono vista molto simile alla foto del 35%…ma mi sa che la mia massa grassa è superiore!)
    volevo, se posso, farti una domanda: ma non hai mai valutato un eventuale intervento per la riduzione
    della pelle in eccesso? so che fa molto “extreme makeover diet edition” o simili….e non ho idea nè se sia fattibile nè se sia consigliabile, per non parlare dei rischi e ovvio delle spese….
    la mia era solo una curiosità….
    io avrei il terrore anche solo di entrare in sala operatoria per una cosa così….

    1. Penso sempre alle operazioni per la riduzione della pelle in eccesso, da quando ho iniziato. Però, come dici tu, ho paurissima. Il coach è contrario, dice che col tempo tutto si riassorbe, con tempo e pazienza e muscoli. Io non ho le sue certezze e penso che devo imparare a conviverci. So anche che per grandi perdite di peso potrei usufruire di intervento gratuito e scegliere una qualsiasi struttura convenzionata ASL, ma la paura, quella resta. E temo anche il fermo da palestra. Come faccio a non allenarmi per 6 settimane??? Muoio!
      Niente, per ora mi tengo tutto questo e continuo a lavorare. L’obiettivo è vicino, ma non ancora raggiunto. Poi vedremo.

  2. L’intervento per ridurre la pelle in eccesso, oltre che rischioso e doloroso, penso che lasci anche delle cicatrici evidenti, perché la pelle poco tonica non riemargina come quella tonica.
    Se il coach sostiene che pian piano si riassorbira’ , penso che parli con cognizione di causa.
    Il tuo lavoro dura ormai da anni e ti ha dato grandi soddisfazioni, spero che continui a dartene.

    1. Ecco, infatti penso spesso anche alle cicatrici. Alcune sono davvero orribili e mi chiedo: cos’è più orribile, una pancia grinzosa o una pancia con una cicatrice degna di Frankenstein?
      Sai cosa? Io scelgo le grinze 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...