Giorni Felici

L’uomo del fuoco di Joe Hill

Giorno felice #857

Credo di aver commesso un gravissimo errore, colossale.

Il 6 settembre è uscito in libreria l’ultimo romanzo di Joe Hill (figlio di Stephen King), o forse bisognerebbe dire che è uscita la prima parte del suo nuovo romanzo. Il titolo è The fireman – L’uomo del fuoco e a quanto pare a novembre uscirà la seconda ed ultima parte, che si intitolerà L’isola della salvezza.

fireman

La scelta di dividere il libro in due parti è stata presa dalla casa editrice Sperling & Kupfer e solo per questo meriterebbero una palla in fronte tutti quanti. Ma come vi viene in mente di dividere un libro in due volumi, così…. in maniera completamente arbitraria? E soprattutto PERCHE’???

E’ chiaro che il libro non è stato pensato così frazionato, anche se la casa editrice ha inserito i ringraziamenti dell’autore alla fine.

Quindi il mio errore è stato solo uno: aver avuto fretta di leggerlo a settembre. Avrei dovuto aspettare novembre, cioè l’uscita del secondo libro e poi leggerli tutti e due come se fossero un unico libro, cioè come l’autore lo ha concepito ed organizzato. Colpa mia, lo sapevo e non ho saputo aspettare.

Ma parliamo del libro.

La storia la trovate ovunque, scopiazzata da tutti i blog in giro per il web. C’è questa epidemia, la Scaglia di Drago, che infetta la gente e nessuno sa come. Chi ne viene infettato prima o poi finisce per prendere fuoco e morire carbonizzato. Qualcuno scopre che è possibile controllare la spora e conviverci pacificamente. Ma non troppo pacificamente, che siamo esseri umani e anche i migliori tra di noi riescono a mandare tutto all’aria, se ci mettiamo d’impegno.

La protagonista è una infermiera, Harper, che all’inizio sembra una sempliciotta qualsiasi e poi si rivela una tipa davvero in gamba. Accanto a lei ruotano tutta una serie di personaggi, alcuni cattivi, altri buoni, altri ambigui.

Personalmente trovo che si senta che Hill è figlio di King, ha uno stile di scrittura molto simile a quello del padre, anche se forse non ne raggiunge mai davvero le somme altezze. Ovviamente adoro Hill e spero continui a sfornare libri nei secoli dei secoli, amen.

La storia mi ha fatto pensare molto a L’ombra dello scorpione. Anche li un virus distrugge il Mondo, ma mentre nel romanzo di King sono gli immuni, quelli sui quali il virus non ha mai attecchito, a riorganizzare la società decimata dell’intero Pianeta, in The fireman convivono quelli non ancora contagiati con quelli contagiati ma non morti. Ed è guerra. Perchè la verità è che sull’umanità intera regna l’ignoranza e la paura del prossimo e dell’ignoto.

Il libro è bello e non posso dire altro, perchè non so come andrà a finire e cosa succederà e ancora tante sono le situazioni irrisolte.

Lo consiglio molto, ma…. aspettate che esca in libreria anche la seconda parte, non fate come me!

 

La mia nuova lettura è stata ispirata dal blog Corvi neri all’uranio impoverito, che trovo affascinante da morire e che mi fa sentire una personcina piccola e ignorantissima, ma con speranza di miglioramento.

L’autrice del blog venera (credo sia il termine giusto) David Foster Wallace, che io non ho mai letto in vita mia. A quanto pare il suo capolavoro indiscusso è Infinite Jest, ma non mi sento pronta ad affrontare un tomo di oltre 1200 pagine di un autore che non conosco e che sembra ostico. Però da qualche parte bisogna pur cominciare. Così ho deciso di fare la sua conoscenza a partire da Una cosa divertente che non farò mai più, un libro che parla di una crociera, che è stata pagata all’autore da una rivista americana affinchè lui, appunto, ne scrivesse.

Fantastico.

In vita mia ho fatto una sola crociera, “per sbaglio“, come viaggio di nozze, sotto consiglio di gente ignorante che mi ha detto che incinta com’ero era meglio una nave rispetto ad un aereo. Per tutta la durata della crociera, ben 11 giorni, mi sono sentita una disadattata asociale con la voglia di scendere ad ogni porto con le mie valigie e tornarmene a casa con il primo volo. E già dal secondo giorno di crociera io e il mio novello marito avevamo decretato: “MAI PIU‘”. Per questo, forse, sto trovando non solo rincuorante, ma anche particolarmente divertente questo piccolo libro di David Foster Wallace e ci sarebbero alcuni personaggi che ho incontrato sulla nave che non sfigurerebbero nel suo libro. Le situazioni sono così identiche da darmi la conferma che questi sono viaggi organizzati con lo stampo, che offrono solo esperienze finte a gente altrettanto finta, che non distingue un Viaggio da uno Spostamento in nave.

Appena terminato ne parlerò un po’ di più e magari recupero anche qualche foto del nostro terribile viaggio di nozze.

Annunci

12 thoughts on “L’uomo del fuoco di Joe Hill

  1. Esagerata!! 🙂 Non sei una personcina piccola piccola e io sono una patentata ignorante ma su una cosa hai scritto bene IO VENERO DFW e leggendo il blog si capisce da dove parte il mio Amore. Sono contenta che ti stia piacendo il libro poi se vuoi e, cosa più importante, quando vuoi ti consiglierò con cosa continuare!!! Va bene?? Aspetto le foto di quella crociera di ben 11 giorni … quel “ben” fa capire la pesantezza di 11 giorni in crociera ehehehe questo è un dono lo sai??? buona giornata

    1. Quando mi rendo conto di non aver mai letto alcuni autori, mi sento la più ignorante delle ignoranti. Ma è una sensazione che mi piace, perchè mi stimola ad ampliare i miei orizzonti, a migliorarmi. Un amico mi ha parlato, ad esempio, in maniera entusiasmante di Cormac McCarthy e non ho potuto fare a meno di prendere nota.
      Appena finisco questo di DFW (quanta confidenza mi sto prendendo?) ti prego di indirizzarmi verso il prossimo suo libro, in maniera da apprezzarlo meglio.

      La crociera…. un incubo…. passavo giornate intere a vedere gruppi di anziani ballare il liscio…. ed era l’unica attività che mi stimolasse un pochino, ti lascio immaginare le altre. Ma ne parlerò presto. Comunque pensavo di essere strana io, invece sono strani LORO!!!

      1. Cormac McCarthy è un altro scrittore che leggo sempre con piacere “Non è un paese per vecchi” lo trovo stupendo (ho scritto anche su di lui). E su DFW ti consiglio “Questa è l’acqua” leggero quanto basta… nel libro c’è il discorso che lui ha tenuto davanti agli studenti del Kenyon College e altri racconti tra cui “Il pianeta Trillafon in relazione alla Cosa Brutta” che trovo splendido ma tutto questo con moolta calma … Aspetto con ansia il post sulla crociera. Io non ho mai amato le crociere per lo stesso motivo per cui non mi piacciono le isole insomma Se vuoi fuggire dove cazzo vai??? Mare. mare solo mare. Hai mai visto Stich (il cartone animato) quando capisce sul triciclo che è un’isola, urla disperato ecco io sono uguale 🙂

      2. A me non piace l’idea di doversi divertire per forza e sulle crociere è così. Ti aggiri come un’anima in pena e trovi sempre qualcuno che ti sorride senza motivo o qualcun altro che cerca di coinvolgerti in favolose attività divertentissime, ma che a me annoiano a morte. Per la stessa ragione evito i villaggi turistici, per carità!!!
        Questa è l’acqua… segnato!

  2. ok, ora ho altro materiale: due libri da leggere e un blog da conoscere!
    (mi dovrebbe restare anche un po’ di tempo per lavorare, ma non lo diciamo a nessuno 😀 )

  3. credo che stamperò un bel foglio con la tua frase e lo attaccherò all’ingresso dell’ufficio
    (insieme all’altro già esistente con scritto “tutti portano gioia a questo ufficio, alcuni quando arrivano, altri quando se ne vanno”), poi aspetto il premio di produzione 😀 😀 😀

      1. quella della tua risposta sopra “è sopravvalutato il lavoro!!! Ci sono tante di quelle cose più interessanti da fare!!!” 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...