Giorni Felici

Troppi libri e troppo poco tempo per leggerli

Giorno felice #799

Leggere è un piacere per me, ma anche un bisogno primario, come respirare, dormire e mangiare. Per questo scegliere un libro è sempre una questione di feeling, di bisogno, di necessità strettamente legata al momento che sto vivendo.

Oggi non potrei leggere Le notti di Salem, mentre c’è stato un tempo in cui ne ho sentito il bisogno, per capirci.

Cosa leggo, ora?

Ho iniziato a leggere Amatissima, di Toni Morrison, che avevo in attesa da parecchio e che fa parte anche della lista dei libri di Rory Gilmore. E’ un libro che ha vinto il Premio Pulitzer ed è scritto da una donna afroamericana che ha vinto in seguito anche il premio Nobel per la letteratura e parla della storia di una nera che, a cavallo della guerra di secessione americana, decide di fuggire verso nord per smettere di essere una schiava e diventare una donna libera. Ma nulla è facile per Sethe e i ricordi bruciano sulla pelle come fuoco vivo. L’ho iniziato due giorni fa e ammetto che all’inizio non è stato semplice capire cosa stesse succedendo, perchè sembra essere stato scritto proprio dalla protagonista, una nera analfabeta che riversa i suoi ricordi in modo semplice, ma confuso, su carta, anche se non è scritto in prima persona. Ci sono, ad esempio, diversi “ma però” che quando andavo a scuola io era considerato errore blu, a testimonianza che la letteratura batte la grammatica 10 a zero, se vuole.

Genere: Capitoli drammatici della storia dell’umanità

amatissima

Sono però disperatamente attratta da American Psycho di Bret Easton Ellis, ambientano della New York bene, quella ricca e di successo, che però ha una doppia faccia, fatta di violenza e perversione. Dal libro è stato tratto un film con Christian Bale nel ruolo di protagonista, ma voi lo sapete: non vedo mai i film se prima posso leggere il libro.

Genere Violenza Gratuita

american psycho

Sempre a proposito di libri dai quali sono poi tratti dei film, da tempo mi ero appuntata di leggere La casa per bambini speciali di Miss Peregrine, di Ransom Riggs e ora penso sia giunto il momento di farlo, visto che addirittura Tim Barton sta realizzandone la versione cinematografica.

Genere Horror.

la casa per bambini speciali di miss peregrine

C’è poi la breve storia di (quasi) tutto di Bill Bryson che parla di diverse aree della scienza, raccontate in maniera semplice. Pare sia bellissimo, quasi 600 pagine di puro sapere accessibile anche a noi ignoranti.

Mentre ero in volo sul Pacifico e guardavo pigramente dal finestrino l’oceano illuminato dalla luna, mi si presentò alla mente, con una forza piuttosto inquietante, la consapevolezza di non sapere nulla dell’unico pianeta sul quale mi sarebbe mai capitato di vivere.

Genere: Scienza per tutti

bryson_breve_storia_quasi_tutto

Vorrei leggere anche Mattatoio n°5 di Kurt Vonnegut, che mi era piaciuto molto in Quando siete felici fateci caso. Il libro parla della seconda guerra mondiale e viene descritta come la  storia semiseria di Billy Pilgrim, americano medio affetto da un disturbo singolare (“ogni tanto, senza alcuna ragione apparente, si metteva a piangere”) e in possesso di un segreto inconfessabile: la conoscenza della vera natura del tempo. 

Genere: Pacifismo

mattatotio-n5

La breve favolosa vita di Oscar Wao, e già dal titolo si capisce che non finisce bene. Scritto da Junot Diaz, è un libro che mi ha colpito solo da qualche giorno. Anche questo libro ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa. Il protagonista, Oscar Wao, è un ragazzo sovrappeso appassionato di fantascienza, di origini dominicane, ma che vive con la famiglia nel New Jersey.

Genere: Immigrazione con difficoltà

la breve favolosa vita

Il 2016 sarà l’anno in cui inizierò a leggere i Wu Ming e penso che il primo libro sarà Q. Devo solo trovare il coraggio di iniziarlo.

Genere: Storico

Q

Perchè nessuno mi aveva mai parlato di Zorba il greco, libro scritto da Nikos Kazantzakis negli anni 60?

Facciamo tutto quanto è in noi perché riviva ancora per un po’ questo crapulone, beone, lavoratore instancabile, donnaiolo e zingaro. L’anima più grande, il corpo più saldo, il grido più libero che abbia mai conosciuto in vita mia

Genere: Godi la Vita con Ottimismo

zorba il greco

Infine ci sono I Buddenbrook di Thomas Mann, 716 pagine scritte nel 1901 che descrivono la decadenza economica e morale di una famiglia.

Genere: Un classico che mi manca

i buddenbrook

Come avrete notato, i libri che voglio assolutamente leggere sono molti e molto diversi tra loro. Ho sentito il bisogno di scrivere questo post per tracciare la strada delle mie letture future, in modo da non perdere di vista nessuno di questi libri. Magari non tutti mi piaceranno, ma sento delle affinità con ciascuno di loro, quindi penso valga quantomeno la pena di tentare.

Per quanto riguarda le sfide, ho deciso che saranno le mie letture ad inserirsi e non viceversa. Questo non esclude la possibilità di scegliere anche altri libri, nuovi e inaspettati, da leggere al momento giusto, ma per ora ho il forte bisogno di buttare dentro di me queste pagine.

Se avete letto uno o più di questi libri, mi farebbe piacere conoscere le vostre opinioni. Se non avete letto nessuno di questi libri, ditemi: da quale vi sentite più attratti?

Annunci

10 thoughts on “Troppi libri e troppo poco tempo per leggerli

  1. ah ah il titolo del post mi ha fatto pensare a una vignetta di Garfield (il gatto) che diceva sospirando “così tanti pesci e così poco tempo” 😀 😀
    dei libri qui sopra non ne ho letto nessuno, ma penso che partirei con American Psycho

    1. Meno 40 kg??? BRAVISSIMA!!!!
      Non sapevo stessi cercando di perdere peso anche tu. Io mi sono un attimo bloccata con il peso, non riesco a scendere sotto gli 88 kg, ho questa immaginaria barriera dei -50kg che mi spaventa un po’. Che poi è una cretinata, perchè avendo preso 4 kg di muscoli, in realtà ho già perso 53.5 kg di grasso. Insomma, devo impegnarmi tanto. Tu come stai lavorando per perdere peso?

  2. Buongiorno, interessantissimo questo post. In particolare mi attirano Zorba il Greco e il libro di Bill Bryson. Ho letto l’ultimo libro dei Wu Ming ma non mi é piaciuto per niente, quindi aspetto di sentire la tua opinione per vederci piú chiaro. Grazie dei consigli 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...