Tombolate, feste di Natale, primi regali e scivoloni

Giorno felice #768

Natale si avvicina rapidamente e siamo tutti impegnati in attività supplementari che ci rallegrano, ma a volte anche stressano.

Si, perchè la routine è già abbastanza serrata, tra palestra, lavoro, figli e homeschooling, ma con l’avvicinarsi del Natale tutto si complica un po’ di più.

Ad esempio succede che ai figli venga voglia di giocare a Tombola con gli amici e allora ho organizzato due pomeriggi separati, uno per gli amici di Massimo (sabato scorso) e uno per le amiche di Emma (venerdì prossimo), perchè tutti insieme a casa non ci saremmo stati.

La tombolata con gli amici di Massimo è stata divertente e caotica e piena di urla e di risate e di caramelle e di patatine e di allegria.

tombolata

E’ stata anche un po’ stancante, perchè per organizzarla non mi sono fermata un attimo, dalla mattina fino alla sera. In serata, poi, eravamo invitati tutti e quattro alla cena di Natale della società di Tiro con l’arco di cui fa parte Massimo. Ognuno ha portato qualcosa da mangiare e abbiamo cenato insieme a tante persone allegre che non conoscevamo, ma che ci hanno fatti sentire come in famiglia. E, di nuovo, abbiamo giocato a tombola, solo che in questo caso i numeri non si estraevano, ma si colpivano a suon di frecce scagliate contro un bersaglio appositamente predisposto. Divertente, ma un po’ lungo…

tiro con arco

Nel mentre con Massimo abbiamo deciso di dedicare il nostro tempo di studio al Natale, in tutte le sue declinazioni. Prima abbiamo realizzato un lapbook con le tradizioni in generale, la storia dell’albero di Natale, quella di Babbo Natale e il Presepe. Ora invece siamo passati a studiare le tradizioni del Natale nei diversi paesi del Mondo e stiamo realizzando un cartellone che lo sta appassionando.

natale nel mondo

Oggi si è divertito a disegnare le bandiere dei diversi paesi e a colorare i disegni. Domani compileremo la tabella inserendo le informazioni che abbiamo trovato su internet.

Sempre a tema Natale, vorrei fargli fare un esercizio per calcolare il budget necessario all’acquisto di tutte le cose che ha chiesto a Babbo Natale, sia a mano, sia su Excel, un programma che lui ancora non conosce.

Vorrei poi leggere qualcosa in merito alla nascita di Gesù e parlare dell’aspetto religioso della festa, soprattutto perchè io non sono una praticante (in realtà ho più dubbi che Fede) e mi sembra poco corretto non parlargli dell’aspetto religioso del Natale.

Stiamo anche leggendo Canto di Natale di Dickens, però ho la versione originale ed è un po’ difficile da comprendere, per lui, per via del linguaggio antico utilizzato.

A proposito di libri e di Natale, oggi è arrivato il pacco con i regali da parte della mia amica Paola, che abita lontano, ma con la quale ogni anno ci scambiamo doni come se fossimo vicine di casa.

regali di natale

Quest’anno è andata sul sicuro, regalandoci libri, uno per me, uno per Massimo e uno per Emma. Per me Cuori in Atlantide di Stephen King, che ho sempre desiderato leggere e ora finalmente ne ho l’occasione.

E, neanche a farlo apposta, proprio oggi è arrivato un libro che avevo ordinato su IBS, Jayber Crow di Wendell Berry, di cui ho letto solo recensioni fantastiche e che mi attrae da pazzi.

jayber crow

Ora però sto leggendo L’inverno di Frankie Machine di Don Winslow, molto molto bello, ma sicuramente semplicistico rispetto a Il potere del cane. Rimane il fatto che adoro la scrittura di Don Winslow,  adoro i suoi protagonisti maschili, uomini con macchia, ma senza paura, eroi buoni, forti e coraggiosi, anche se non proprio onesti.

 

Piccola nota a margine: ho avuto un crollo psicologico e ho mangiato anche se non avrei dovuto. Questa volta non si è trattato solo di uno sfogo alimentare, ma di una crisi vera e propria. Mi è venuta una gran voglia di mollare tutto, dall’alimentazione alla palestra. Una parte di me voleva chiamare e inventare una scusa e non andare, ma un’altra parte, quella saggia, ha pensato di proseguire con la routine, anche senza convinzione. Così sono andata in palestra lunedì mattina con le lacrime agli occhi. Sapevo che mi avrebbe pesata, ma non era quello che temevo di più. Temevo soprattutto di deludere il coach e di scoppiare in lacrime davanti a lui.

Lui non è rimasto deluso, ma io sono scoppiata a piangere. Non per la bilancia, che segnava 1 kg in più e due punti percentuali di grasso accumulato principalmente sul quadricipite.

LilySlim Weight loss tickers

Ho pianto perchè vedevo nero, ero negativa, abbattuta, sfinita. Perchè, mi chiedevo, perchè lottare tanto? Per che cosa? La mia vita non è poi così migliorata, mi dicevo, con 48 kg in meno. Sono sempre io, con i miei problemi, con le mie insoddisfazioni, con pochi vestiti, di taglia più piccola, ma sempre pochi, con la mia voglia di “scintille” seppur condannata ad una vita piatta e monotona.

Il coach è stato fantastico. Dopo avermi pesata e misurata si è seduto e mi ha detto “Parliamone“. E abbiamo parlato per un’ora, invece di allenarci. Mi ha fatta sfogare, mi ha compresa, consolata e rincuorata. Mi ha detto che il percorso che sto facendo non è semplice, ma che mi stima moltissimo per come lo sto affrontando giorno dopo giorno. E proprio il suo attestato di stima mi ha aiutata a risollevarmi. Perchè so che non è tipo che dice cose giusto per dire e so quanto è esigente con se stesso e anche con gli altri.

La verità è che difficilmente ho stima di me stessa, ma di lui mi fido moltissimo e se per lui sono una persona degna di stima, allora ci credo. Credo più a lui che a me stessa, sembra assurdo. Però aiuta, ecco, credere in qualcuno di imparziale, qualcuno che ti dice in faccia le cose, belle e brutte, senza falsa adulazione le prime e senza cattiveria le seconde.

Sono tornata a casa col magone, senza essermi allenata, ma con la consapevolezza di non poter mollare. Perchè, come ha detto il coach, devo distinguere tra me stessa e il resto del Mondo. Il resto del Mondo può anche essere insoddisfacente per me, ma lavorare su me stessa è fondamentale, perchè forse non posso cambiare il Mondo, ma posso cambiare e migliorare me stessa e questo mi renderà una persona più forte, una persona migliore.

Infondo doveva succedere, dovevo prima o poi sentire l’impulso di mollare tutto, come ho sempre fatto negli ultimi 40 anni. Meglio che sia successo ora, con quasi 50 kg di risultato sulle spalle, perchè se fosse successo 40 kg fa non so se avrei avuto la forza di riprendermi.

No, non mollo.

Vado avanti, perchè me lo merito.

perche-io-valgo

Annunci

12 commenti

    • Grazie 🙂
      Si, in effetti questi momenti mi fanno sentire debole, ma anche forte, perchè mi ricordano la decisione presa e la difficoltà di portare avanti un percorso che non è così semplice come potrebbe sembrare da alcuni miei post pieni di energia.

  1. Secondo me la tua vita è migliorata eccome! Intanto – per il momento – ti sei alleggerita di un fardello grande quanto un adolescente, mica pizza e fichi! E poi “vita piatta e monotona”??? Te lo concedo solo perchè so che adesso hai già cancellato quel brutto momento, perchè gli scivoloni ci stanno per capire che comunque sappiamo raddrizzarci e pure camminare bene (e anche correre, eh!), ma vita monotona la tua non mi sembra proprio!
    Solo quello che stai facendo con Massimo e l’homeschooling è meraviglioso (fra l’altro mi piace tantissimo il tabellone delle tradizioni!), poi organizzi un sacco di cose, ti impegni….vita piatta e monotona la trovo quella di una persona che passa l’intera giornata davanti alle soap opera, si ingozza di cibi già pronti e critica il mondo intero pur non uscendo mai dalle proprie quattro mura….tu sei un vulcano di energia, e noi siamo contente/i di poter verificare che vai avanti! Un abbraccione
    (e scusa la predica, ma mi è scappata! 😀 )

    • Hai ragione, sentirselo dire fa effetto, ma fa anche tanto bene. In realtà il più delle volte sono consapevole di avere una vita movimentata, ma poi mi capitano delle giornate nere in cui guardo la realtà attraverso le lenti del pessimismo più cupo e non riesco ad essere obiettiva.
      Grazie per la predica, ci voleva 🙂

  2. Il discorso su te stessa e il resto del Mondo lo trovo davvero bello e motivante (e sto per appuntarmelo in agenda tipo mantra!) =)
    Per quanto riguarda la stress natalizio, quanto ti capisco! La cosa mi sta sfuggendo di mano, ho preso cosi tanti impegni che sto perdendo di vista le cose belle del Natale, quelle che rasserenano l’animo. Spesso mi trovo a pensare che non vedo l’ora sia il 7 Gennaio, e non è da me. Ad ogni modo, non voglio divagare (mi riesce sempre facilissimo ihihih)! Buon mercoledì 😉

  3. E no, cara! No che non molli! E non perché hai più stima dell’allenatore che di te stessa, ma perché non è vero che ti senti come 48 chili fa…! Ti sei dimostrata estremamente forte e propositiva e hai ottenuto risultati evidenti. Tu. L’aiuto degli altri è sempre relativo. Tu hai sofferto, tu hai sudato, tu ti sei privata del cibo. Tu. E, dall’esterno, non mi pare assolutamente che tu abbia una vita monotona. Figli, animali, marito, sport, anche buone letture. Io non riesco a perdere 12 chili, tu ne hai persi 48! Chi è forte? Arriverai alla 46 tra qualche mese, ne sono certa! Ti auguro un buon Natale!

    Simo

    • Grazie Simo per la botta di energia che mi hai mandato con questo messaggio.
      No, non mollo.
      In una settimana ho già riperso 1.4kg e anche se la Vigilia e a Natale ho mangiato a pranzo come tutti gli altri, la sera ho seguito il mio solito regime alimentare e oggi, Santo Stefano, non toccherò gli avanzi, perchè lo sgarro natalizio va benissimo, ma sono tutti gli altri sgarri che mi fanno male.
      Non mollo perchè sto seguendo un percorso definitivo, voglio cambiare me stessa, in meglio, lo sto facendo e devo andare fino in fondo.
      Grazie per il bellissimo commento.
      Buone feste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...