Giorni Felici

Giorno felice #734

Ieri è andata in onda la storia della nostra famiglia.

Vi avevo già raccontato della troupe televisiva della trasmissione Sconosciuti, in onda su Raitre, che era venuta ad intervistare la mia famiglia a giugno. Incuriositi dalla storia dei miei genitori, che hanno portato avanti il piccolo cinema di famiglia, sono venuti per saperne di più e per dedicarci una intera puntata.

Con nostra grande sorpresa, la nostra è stata la puntata inaugurale della nuova stagione e ieri sera alle 20.10 eravamo schierati in taverna, seduti sulle vecchie sedie del cinema, conservate per ricordo, emozionati ma anche incuriositi da come la nostra storia sarebbe stata raccontata.

sconosciuti

Amici e parenti, tutti avvisati, erano ugualmente incollati di fronte alla tv e alla fine non hanno tardato a bombardarci di telefonate e messaggi, commossi ed entusiasti almeno quanto noi.

Ecco, è stato proprio così, commovente e divertente. Ci siamo commossi nel rivedere i nonni, quando erano ancora giovani, e la mamma, che giovanissima già lavorava al cinema per aiutare i genitori. E poi ci siamo emozionati quando la mamma ha ricordato il dolore per la morte improvvisa del nonno e quando abbiamo rivisto la cabina di proiezione in funzione per l’ultima volta. Ci siamo invece messi a ridere quando i miei genitori hanno ballato sulla spiaggia, come fecero la prima volta che si conobbero ad una festa, e per colonna sonora avevano la canzone Cuore di Rita Pavone. Ci siamo riviste bambine, e poi signorine, sempre dietro il bancone del bar e poi di colpo grandi e intente a raccontare quello che per noi è sempre stato normale.

Insomma, è stata una esperienza fantastica e il video è assolutamente da conservare, perchè è il riassunto di una vita intensa e unica, di cui non posso che essere grata.

Se volete vedere il video, potete farlo a questo link:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-45134189-a8c0-4b65-bba9-8434bc59bba1.html?iframe

Non so spiegarvi diversamente una emozione davvero particolare, anche per i miei figli, che hanno visto la storia della loro famiglia un po’ romanzata e abbellita dalla tv, con attenzione e rispetto.

 

Ieri è stato anche il nostro primo giorno di scuola (per Emma) e di homeschooling (per Massimo).

Come sapete, mi sono preparata moltissimo per questo giorno importante e devo dire che è andato tutto benissimo, anche meglio delle mie aspettative.

Per prima cosa abbiamo fatto una foto ricordo a tutti e due insieme, Emma con zaino e grembiule e Massimo in pigiama.

primo giorno scuola homeschooling

Poi abbiamo accompagnato Emma a scuola, per l’accoglienza. La scuola ha organizzato una festa per il primo giorno di scuola dei bambini di prima elementare, festa che prevedeva uno scenografico lancio di palloncini, il momento clou per tutti i bambini. Nonostante il mio forte scetticismo nei confronti della scuola, confesso di essermi emozionata, per Emma. Perchè sta crescendo. Perchè era felicissima di rivedere le sue amiche. Perchè faceva tenerezza nel suo grembiulino nuovo e un po’ troppo grande. Perchè l’ho sentita dire alla sua amica: “A me sembra un sogno. Non posso crederci di essere finalmente alle elementari!

palloncini

Tornati a casa ho trovato Massimo ad aspettarmi impaziente, ma ancora in pigiama. Voleva iniziare e siamo partiti da un questionario che avevo preparato, dove ha raccontato di se, si è pesato e misurato in altezza (porcamiseriaquantocresce!!!!) e ha raccontato la sua estate, oltre a quello che ama di più e preferisce.

Abbiamo poi chiacchierato dei nostri obiettivi per questo anno di educazione parentale, per capire quali sono le nostre aspettative e priorità e siamo tutti concordi che la prima cosa è imparare per il piacere di imparare, possibilmente anche divertendosi.

Subito dopo mi ha chiesto di fare Matematica, anche se non era previsto. Ne aveva voglia e l’ho assecondato, iniziando un po’ di ripasso. Dopo neanche mezz’ora voleva far merenda e gli ho preparato un po’ di pane e salame. Siamo quindi passati sul divano, per leggere insieme Sherlock Holmes e il mastino dei Baskerville, che ho acquistato in edizione semplificata per i bambini. Abbiamo letto ad alta voce, alternandoci, una pagina io e una lui, arrivando a leggerne metà. Questa mattina ha terminato la lettura del libro da solo, mentre io ero in palestra, e al mio ritorno mi ha raccontato chi era il colpevole e perchè e come è stato scoperto, ecc., e abbiamo compilato insieme la prima pagina del diario di lettura, che ha registrato un bel 4 stelle su 5 per questo libro, che gli è piaciuto molto “… ma Matilde di più!

Era tutto così veloce che abbiamo deciso di impegnarci anche in un lavoretto a metà strada tra il disegno e la geografia, una cosa carina che ho trovato su un blog di mamma homeschooler americana.

homeschooling lavoretto

Come noterete, è negato per il disegno, ma è comunque soddisfatto del lavoretto finale.

Giunta l’ora di andare a prendere Emma a scuola, siamo usciti tutti e tre, con la scusa di fare una sorpresa alla sorella e invece, usciti da scuola, li abbiamo portati a mangiare fuori. Abbiamo scelto un locale tipo americano anni 50, dove io ho potuto mangiare carne arrosto e verdure grigliate e loro un hamburger con patatine. Neanche a dirlo, erano felicissimi del regalo inaspettato.

pranzo premio

Pomeriggio di giochi e serata a casa dei nonni, per mangiare una pizza in famiglia (e per me carne) e assistere alla visione della trasmissione dedicata a noi.

Una bellissima giornata, così carica di eventi emozionanti ed eccitanti da aver lasciato lo strascico fino ad oggi.

Che posso dire? Mille di questi giorni per noi e anche per tutti voi.

Che la Gioia sia contagiosa!

Annunci

20 thoughts on “Giorno felice #734

  1. Carissima!
    Please forgive me for my long silence! I am happy that everything is going really well with you! I’m enjoying the photos of your family, the kids and Massimo’s vacation with your parents too! And Emma’s first day of elementary school looks indeed lots of fun as did Massimo’s first day of homeschooling. What an exciting adventure for both!
    I read with much emotion about the Sconosciuti transmission yesterday! What an honor and tribute to your lovely family. Very unfortunately however, I am not able to see the transmission via the link you added here because RAI says they won’t allow the video to be viewed outside of Italy 😦 I’m so sorry I am not able to see it from here 😦 I’m sure it was so touching and moving ….
    I’m sending you a million hugs and lots of sunshine and smiles…I’m looking forward to reading more of other great things to come!
    Salutoni e abbracci sempre,,
    Lia

    1. Carissima,
      mi dispiace per il video, anche una mia amica in Francia non riesce a vederlo ed è un peccato, ti sarebbe piaciuto di certo.
      Tu come stai? Tutto bene? Ho visto una tua bellissima foto di NY con un taxi in movimento e mi ha fatto venir voglia di venire.
      Un grande abbraccio e a presto 🙂

      1. Hmm that’s too bad the video couldn’t be viewed by your friend too:(
        I’m sure it was amazing! It’ll have to wait until my next trip to Italy I suppose:)))
        Oh thank you my friend for your compliments on my taxi pic 🙂 I was at the street corner and snapped a quick pic and that was the result! I hope one day to show you around town ! We would have a marvelous time !!!
        Saluti e abbracci!

  2. Direi un ottimo inizio! E dev’essere una caratteristica del nome quella di non essere portatissimi per il disegno, mio marito si chiama Massimo e disegna tutt’ora uguale a tuo figlio 😀 !

    1. Personalmente mi da fastidio che stia in pigiama, ma poi ho pensato che avremo tempo per sistemarci. Pensa che qui ci sono oltre 30° oggi ed è in mutande!!! L’importante è che lavori e sia contento, tutto il resto lo impareremo giorno per giorno 🙂

  3. Ma emma con il grembiulino quanto carina è??? Mi hai strappato un sorriso…appena ho un attimo guarderò di sicuro il video Ps hai fatto leggere a massimo uno dei libri che rubavo sempre dalla biblioteca di mio papà!

    1. In realtà sono un po’ pentita della scelta dei Classicini, perchè è vero che sono semplici e abbordabili per chi non è abituato a leggere molto, ma alla fine sono anche riduttivi. Ieri, ad esempio, della stessa collana, abbiamo divorato Il giro del mondo in 80 giorni, che però così ridotto non era altro che un elenco di luoghi difficili da pronunciare. A Massimo è piaciuto moltissimo, tanto che ha insistito per terminarlo tutto in un solo giorno, ma ora non credo sarebbe disposto a leggere la versione integrale, perchè sa già come va a finire. Per questo ieri abbiamo comprato L’isola del tesoro in versione completa.

  4. Sono capitata per caso in questo blog, come per caso ho visto la puntata di Sconosciuti sulla vostra famiglia mentre aspettavo iniziasse il programma dopo..che meraviglia!
    Buona giornata 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...