Giorni Felici

Giorno felice #727

Ora è ufficiale: siamo homeschoolers.

Abbiamo inviato, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, la comunicazione al Dirigente Scolastico e sappiamo anche che la lettera è stata ricevuta, perchè la scuola va a ritirare la posta ogni giorno direttamente nell’ufficio dove abbiamo spedito la nostra lettera.

Devo dire che appena spedita la lettera sono scomparse, come per magia, gran parte delle mie paure. L’unico dilemma è come reagirà la scuola e ovviamente spero bene. Siamo pronti, comunque, a far valere i nostri diritti, con educazione, ma decisione.

Ora sono tutta concentrata sul reperimento del materiale per lo studio. Ho comprato due quaderni operativi, uno di Italiano e uno di Matematica, con un piccolo riassunto delle regole, relativamente al programma di quarta elementare. Esercitarsi è importante e non si scherza con la matematica e con la grammatica.

Per il resto sto cercando risorse online, in modo da sfruttare la rete e cercare anche il modo più divertente di studiare le stesse cose che faranno a scuola.

linea tempo roma

Prima di iniziare questa avventura, Massimo partirà per la sua prima vacanza senza genitori. Andrà insieme ai miei e alla cugina di 8 anni in Alto Adige, per una settimana. Partiranno il 2 settembre e torneranno il 9 e io devo preparargli il borsone.

Devo dire che è emozionante l’idea che parta da solo, che non dorma a casa per una settimana. Per la prima volta dal 4 aprile 2006 dovrò dormire senza averlo sotto il mio stesso tetto. Per la prima volta dovrà cavarsela da solo, seppur con i nonni. Per la prima volta dovremo sentirci solo telefonicamente.

Sono emozionata, ma anche in ansia, però vincerò tutte le mie paure e cercherò di non trasmetterle a lui, che invece è solo molto contento di partire. E’ giusto che lui senta il bisogno di staccarsi da me e la cosa mi rende orgogliosa, perchè significa che ha un certo grado di indipendenza che gli permette di non spaventarsi anche solo all’idea di stare senza mamma per 7 giorni. Chiaramente io devo solo abituarmi al distacco, anche perchè è proprio quello che vorrei per lui, che andasse per la sua strada, possibilmente lontano dal nostro misero paesino. Ce la possiamo fare, sono sicura che sarà bellissimo per lui, ma anche per noi. E’ un altro tassello nella nostra crescita di genitori e figli.

Emma, chiaramente, è rimasta contrariata all’idea di non essere stata invitata, ma i miei non se la sentivano di portare tre bambini e hanno scelto i più grandi. A Emma è stato promesso che la prossima volta andrà lei, insieme alla cugina più piccola e questa promessa le è bastata.

Comunque, nella settimana che Massimo non ci sarà, le ho promesso di prendere un gattino. Lei lo sogna da diverso tempo e io penso che possiamo farcela, con un cane e un gattino. Dobbiamo dare il tempo al micio di abituarsi al cane e al cane di abituarsi al micio. Ne abbiamo già scelto uno nato il 27 luglio (quindi 3 giorni dopo il compleanno di Emma) che andremo a prendere il 2 settembre. E’ un maschietto ed è partito il toto-nome. Emma, manco a dirlo, vorrebbe chiamarlo Grattastinchi, come il gatto di Hermione di Harry Potter. A me non piace molto come nome, preferirei Dobby, se proprio dobbiamo rimanere nel mondo di Harry.

grattastinchi

Continua, nel frattempo, la mia lettura di Hotel New Hampshire di John Irving. Il libro mi piace, ma è come se all’improvviso avesse tolto il piede dall’acceleratore. All’improvviso è lento e pesante. Però continuo a leggerlo, perchè è strano e interessante e stimolante. Ora leggo di più anche nel primo pomeriggio, perchè è finito sia Una mamma per amica che Gossip Girl (che non avevo mai visto fino alla fine). Quindi diciamo che dalle 13.30 alle 15.00 ho tanto tempo per leggere.

Infine, per chi se lo stesse chiedendo, dopo lo sfogo di martedì e la pesata deludente, ho ripreso a fare la brava. Niente biscotti di nascosto, niente sgarri, a parte il classico boccone che rubo dai piatti dei bambini, ma, come dice il marito, serve solo per controllare che il piatto non sia stato avvelenato!!!!

Sono tornata ad avere infiniti dolori muscolari per merito del nuovo allenamento, e anche a fare la brava. L’obiettivo è quello di avvicinarmi sempre più alla mia meta e a Natale non dimentichiamoci che devo comprare un abito in cui sentirmi bellissima.

Annunci

2 thoughts on “Giorno felice #727

  1. Anche io mi sentivo strana la prima volta che MrD ha dormito fuori casa per una settimana, era dai nonni con gli altri cuginetti. Miciomao per ora non ha ancora provato questa esperienza. C’è tempo.

  2. Sono fuori dal discorso figli-scuola ormai da tanto tempo, così tanto da non sapere della possibilità di istruire il proprio cucciolo in autonomia. Sono certa che sarà una bellissima esperienza sotto tanti punti di vista.
    Lo sarà anche quella di separarvi per un po’. Una settimana passerà presto ma porterà comunque i suoi frutti… li porterà ai nonni che all’idea di godersi al 100% i nipotini già fremono; al tuo cucciolotto che si affrancherà sicuramente; a te che potrai dedicarti “anema e core” ad Emma e al piccolo Grattastinchi.
    E’ bello leggere che sei già rientrata in carreggiata! “Sempre sul pezzo”, come dicono qui, senza mai distrarsi troppo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...