Giorno felice #694

E’ ufficialmente iniziata la stagione del mare, ecco spiegata la mia assenza dal blog. In pratica i bambini hanno iniziato ad andare al mare e questo riduce drasticamente le ore che passo di fronte al pc, il che non è una brutta cosa, ovviamente.

Ma andiamo con ordine.

E’ stato il mio compleanno ed è passato sereno e tranquillo, meglio di quanto mi sarei aspettata.

Quest’anno ho voluto una torta molto molto semplice, senza la candelina con il numero 40, ma con la bellezza di 40 candeline singole, che riscaldavano meglio di un caminetto.

E’ stato bello, perchè numerose candeline fanno festa, sono allegre e le fiammelle danzanti ti invogliano a soffiare con tutta la forza che hai, esprimendo un desiderio che, sono certa, di avvererà.

torta con famiglia

torta con bambini

Ho anche ricevuto dei bellissimi regali.

La mia amica Paola mi ha spedito una bellissima collana coloratissima, che stava un amore con la mia maglia nuova.

collana

Il marito, insieme ai figli, mi ha comprato l’orologio Hip Hop che volevo tanto, anche se avevo deciso di regalarmelo al raggiungimento dei -40kg, ma non fa niente, ho 5 kg di tempo per decidere un nuovo regalo da farmi.

hip hop

I miei genitori mi hanno regalato la “Presentosa” il gioiello tipico dell’Abruzzo, una grande stella di filigrana con in mezzo due cuori, che hanno forme diverse a seconda di chi riceve il dono, ad esempio la mia, che sono una donna sposata, ha due cuori uniti da un archetto d’oro.

Portava agli orecchi due grandi cerchi d’oro e sul petto la Presentosa, una grande stella di filigrana con in mezzo due cuori

Gabriele D’Annunzio, Il trionfo della morte (1894)

presentosa

E poi proprio questa mattina, con qualche giorno di ritardo, è arrivato l’ultimo regalo, dono della mia carissima amica Grazia, compagna all’Università e poi mia testimone di nozze. Il suo è un dono ancora più speciale, perchè è stato disegnato e realizzato da lei, che ha unito la passione per il design e per i gioielli nel suo marchio Combini.

combini

Domenica invece abbiamo partecipato ad un corso di educazione stradale per bambini in bici, organizzata da una associazione locale. Abbiamo finalmente sfruttato la pista del nostro paese, costruita appositamente per insegnare educazione stradale, ma fino ad ora inutilizzata. E’ stata una bellissima esperienza.

Ha partecipato anche la Croce Rossa, che ha spiegato ai bambini i pericoli della strada e cosa possono fare loro, in un primo intervento. Hanno fatto salire i bambini sull’ambulanza e spiegato alcune attrezzature importanti e tutti i bambini erano attentissimi e rapiti da questa esperienza, perchè l’ambulanza ha un certo fascino su di loro e salirci per molti è stato il coronamento di un sogno.

ambulanza

Subito dopo il Comandante della Polizia Municipale ha spiegato le regole, i cartelli stradali e come bisogna comportarsi su strada. Lui è stato una rivelazione, perchè è stato subito capace di entrare in empatia con i bambini, scherzava con loro e li correggeva quando sbagliavano. Alla fine hanno percorso tutta la pista come un lungo trenino, mentre lui spiegava con esempi pratici cosa si fa e cosa non si fa.

educazione stradale

E alla fine un istruttore di mountain bike ha spiegato a tutti l’importanza di portare il casco e poi li ha fatti girare liberamente per la pista, stando attenti agli attraversamenti pedonali e ai segnali si Stop e di dare precedenza.

I bambini si sono divertiti moltissimo, hanno imparato cose importantissime per la loro sicurezza e hanno anche avuto modo di passare una domenica mattina un po’ diversa.

E poi niente, c’è il mare, che è bellissimo, perchè poco affollato e non eccessivamente calmo. Tornare in spiaggia è stato un piacere, per me. Con 35 kg in meno sulla sabbia ho come l’impressione di volare, cammino e non ho l’affanno ed è una sensazione bellissima. Ho dovuto poi scartare il costume dell’anno scorso, che mi sta decisamente troppo grande, ma per fortuna avevo conservato un vecchio costume di quando pesavo più o meno come ora. Rimane però il fatto che ho bisogno di qualche altro costume nuovo, perchè la stagione sarà lunga e prevedo di passare molte ore in spiaggia.

primo bagno

Se non mi leggerete molto spesso, pensatemi così, sdraiata sul lettino, con un libro in mano, a rosolare al sole, oppure in acqua a rinfrescarmi, mi raccomando!

al mare

Annunci

10 commenti

    • Grazie per gli auguri!
      Mi dispiace che non avrai la possibilità di passare qualche giorno al mare questa estate, il mare è terapeutico e dovrebbe essere prescritto obbligatoriamente da tutti i medici. Noi abitiamo a 50 metri dalla spiaggia, in un piccolo paesino quasi senza vita durante l’inverno, abbiamo problemi con il lavoro, non abbiamo musei nè monumenti, non abbiamo nessuna delle tantissime opportunità che ci sono nelle grandi città, però abbiamo il mare e non riesco ad immaginare cosa possa significare viverci lontano.
      Rimane, comunque, l’unico PRO in mezzo a tanti CONTRO, quindi forse il segreto è trovare i PRO della tua zona e godere di quelli!!! Un abbraccio

      • Grazie mille dolcezza! Per quest’anno va bene così al massimo andrò qualche giorno con la tenda in montagna! Un bacione

    • Come dicevo in un altro commento, da Milano ci invidiate il mare, noi vi invidiamo tantissime altre cose, come il lavoro, le opportunità, i tanti eventi (soprattutto per i bambini).
      Grazie per gli auguri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...