Giorni Felici

Giorno felice #676

Il piccolo ponte del primo maggio ci regala qualche giorno di vacanza dalla scuola e, come sempre ogni volta che non si va a scuola l’atmosfera a casa è molto più distesa.

Per questo sono stata un po’ più lontana dal pc e un po’ più con la famiglia.

Ieri pomeriggio però abbiamo lavorato e abbiamo avuto la festa di compleanno di una bambina di 11 anni, quinta elementare. Vi racconto cosa è successo, perchè mi ha fatto riflettere parecchio.

La festeggiata con la sua famiglia non era ancora arrivata, era molto presto, quando si è fermata una macchina dalla quale è scesa una bambina, invitata alla festa, col suo papà. Erano in anticipo, pensavano che la festa iniziasse alle 15.30 invece che alle 16.30 e il papà, che andava molto di fretta, mi ha detto “Io la lascio qui, aspetta con voi” e se n’è andato, consegnandoci questo pacco, una ragazzina di 11 anni che non ci aveva mai visto prima. A me è sembrato brutto il gesto, perchè forse io avrei paura di lasciare mia figlia di 11 anni da sola con delle persone che non conosco, ma soprattutto sembrava ansioso di sbarazzarsi di quel “pacco” che era la figlia.

Comunque, ho cercato di chiacchierare con lei, per farle compagnia e non farla sentire indesiderata e lei ha iniziato a ruota libera a raccontarmi una cosa che le è successa a scuola. Mi ha subito confessato che non voleva venire alla festa, perchè la festeggiata “non sta bene con la testa, ha qualche problema, infatti a scuola ha l’insegnante di sostegno” e quando le ho chiesto perchè non volesse venire alla festa, lei mi ha raccontato che la festeggiata una volta l’ha mandata in ospedale con un trauma cranico dovuto ai numerosi cazzotti ricevuti in testa. In pratica a scuola ci sono 3 ragazzine e un ragazzino che incitano la festeggiata a compiere gesti violenti e un giorno la spingevano ad “ammazzare Silvia” (nome di fantasia della bambina che mi stava raccontando). Questi 4 continuavano a ripetere alla festeggiata “Ammazza, Silvia, ammazza Silvia” e questa, durante l’orario scolastico, si è messa a colpire a pugni la testa di Silvia, la quale si è sentita male ed è dovuta essere trasportata d’urgenza in ospedale dove le hanno riscontrato un trauma cranico con prognosi di 6 giorni.

StopBullyingSign

Silvia sa che la festeggiata non ha colpe, perchè è una ragazzina con problemi che stava solo facendo quello che le dicevano di fare. La colpa è degli altri compagni di classe, che approfittano della compagna con problemi per far del male ad un’altra compagna.

Le ho chiesto cosa avessero fatto i genitori e lei mi ha detto che sono andati a parlare con il dirigente scolastico, il quale ha minimizzato l’accaduto, dicendo che una commozione cerebrale non è una cosa grave. Finita li.

Lei è tornata a scuola, dove è presa costantemente di mira dai compagni solo perchè lei è una ragazzina alla quale piace studiare, che si fa i fatti suoi e ascolta le lezioni e la settimana scorsa le hanno tirato ripetutamente una gomma da cancellare in testa finchè non l’hanno colpita ad un occhio e l’hanno fatta piangere.

Le ho anche chiesto se ci fossero insegnanti presenti in entrambe le aggressioni e lei ha detto di si, erano presenti ma non hanno detto niente.

Ho pensato alla scuola e alla mia idea di ritirare Massimo per fare homeschooling, ho pensato al menefreghismo di insegnanti e dirigenti scolastici, ho pensato alla cattiveria dei bambini alla faccia della socializzazione, ho pensato anche all’ignoranza dei genitori di questa bambina, incapaci di reagire adeguatamente e di sporgere denuncia non tanto contro la festeggiata, ma soprattutto contro la scuola che avrebbe il dovere di vigilare sui bambini.

Che tristezza.

Per fortuna nelle classi dei miei figli queste cose non accadono, ma questo non significa che io non sia turbata all’idea che altri bambini subiscano certi atti di bullismo inqualificabili.

 

Passiamo alle cose belle, ok?

Dopo aver visto le prime immagini dell’Expo2015 di Milano, mi è venuta voglia di andare e di portare Massimo con me. Tutta la famiglia non riesco a portarla, costa troppo e Emma sarebbe un lamento ambulante. Invece penso di potermi organizzare per una due giorni (tra viaggio e visita) con Massimo. Potremmo andare in treno, fermarci dalla mia amica mantovana per un pernottamento e poi passare una giornata piena alla scoperta dell’Expo, con rientro in serata col treno. Spero di riuscire ad andare entro maggio, in mezzo alla settimana, in modo da non incontrare troppa folla, spero. Vi terrò aggiornati sugli sviluppi dell’idea.

Oggi poi sono passata a ritirare due giochi in scatola nel negozio di abiti e accessori usati per bambini, qui vicino. Ho preso lo Scarabeo Junior (nella versione di Hello Kitty) e Trivial Pursuit Junior, per soli 10€ a gioco. Un risparmio OTTIMO, visto che il primo gioco, nuovo, costa 25€ e il secondo ne costerebbe 35€. Ho quindi risparmiato la bellezza di 40€ e questa è una bella soddisfazione. Poi ai bambini i giochi sono piaciuti moltissimo e li abbiamo testati immediatamente, ma avremo tutto il tempo di dedicarci a loro con più attenzione nei prossimi giorni.

hellokittyscarabeo Trivial pursuit junior

Ho qualche difficoltà nella lettura, ultimamente. Sto leggendo con molta fatica Dell’amore e di altri demoni di Gabriel Garcia Marquez, ma sono distratta e non riesco a concentrarmi. Forse dovrei leggere altro, ma non so cosa. Vorrei leggere IT ma non mi sento ispirata, non so perchè ma immagino di leggerlo in spiaggia, quindi pazienterò ancora un pochino. Voi cosa mi consigliate? Una pausa di riflessione o qualche titolo in particolare?

Manca solo l’aggiornamento delle foto di #40fotoper40anni.

Foto11 – Qualcosa di blu: il nostro bel mare, anche se il cielo era un po’ velato.

day11

Foto12 – Casa: noi abitiamo nel sottotetto e casa nostra mi piace moltissimo, anche se è piccolina. E’ una casa accogliente e calda, sempre luminosa e adoro quando la pioggia batte sulle finestre sul tetto, coprendo tutti gli altri rumori e cullandoci col suo magico suono.

day12

Come procede il vostro ponte del primo maggio?

Annunci

3 thoughts on “Giorno felice #676

  1. I read your post about the little girl who was hurt with such sadness in my heart…for many reasons. It is a pity that these things happen at school and that it seems a blind eye was turned upon it…
    Your mention of the 2 games you bought made me think of my youth too! My family would play board games around the table after dinner and Trivial Pursuit and Scrabble (as it’s called in the US) were some of my favorites. I’m sure your family will enjoy too!
    Your photos of your home and your beach are beautiful. The sea has such a pretty color..the ocean here in NY is green/brown color and not pretty in my opinion. And your description of your home sounds lovely — small yet warm and inviting.
    Buona domenica and have a great start to the new week!
    *Lia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...