Giorno felice #623

Da ieri qui sembra quasi primavera.

Il sole è alto, la temperatura tiepida, si sentono i passerotti cantare e viene voglia di sorridere ai passanti.

quasi primavera

So che c’è ancora tempo per cantare vittoria e che già nuove perturbazioni ci raggiungeranno nel weekend, ma per ora ci godiamo questo bel sole.

La cosa bella è che anche i miei figli ne approfittano, senza forse farci neanche caso.

Ieri Massimo si è dato appuntamento alle 15 sotto casa con un compagno di classe che abita nel palazzo di fronte e hanno passato il pomeriggio a giocare a palla nel campetto delle scuole adiacenti casa nostra. E anche Emma, appena tornata dall’asilo, si è incontrata con la figlia della pasta all’uovo dirimpettaia e hanno giocato, finchè non ha fatto buio, in giardino, dove abbiamo una altalena, il monopattino e la corda per saltare.

Stare all’aperto, anche se non ci sono ancora 20°, li rende felici. Se ben coperti non si ammalano, anzi si rafforzano non poco. La sera sono stanchi, ma soddisfatti. Sorridono e mi dicono: “E’ stata una bellissima giornata” e io sono contenta che hanno la possibilità di relegare il tablet e la tv a svaghi serali, quando sono a casa in pigiama e manca un’ora per andare a dormire.

 

Nel frattempo, il coach è ancora malato, anche se in via di guarigione. Forse domani tornerà in palestra, ma intanto io mi sono allenata alla grande anche oggi. Ho avuto l’allenamento di sole gambe, molto impegnativo, e all’inizio non vi nascondo che ho temuto di non farcela. Poi ho spento i pensieri negativi, mi sono concentrata solo sulla serie in corso, ho cercato di correggere ogni singolo movimento, come fa il coach quando c’è, mi facevo coraggio da sola, in testa, contando le ripetizioni, e sono riuscita a portare a casa un ottimo allenamento.

 

E’ quasi ora di iniziare a pensare al 9° compleanno di Massimo. Quest’anno la festa cade proprio di sabato santo, il giorno prima di Pasqua e, approfittando del periodo festivo, abbiamo deciso di fare una festa un po’ più intima, rispetto agli altri anni. Massimo inviterà 4 o 5 amici e li porteremo a giocare a bowling, oppure in una palestra a fare arrampicata, siamo indecisi.

via Annarbor
via Annarbor

E il giorno di Pasqua invitiamo i nonni per il tradizionale pranzo e festeggeremo anche con loro.

 

Un ultimo pensiero: sto leggendo, anche se non ne parlo, Molto forte, incredibilmente vicino di Jonathan Foer e non so esprimermi come vorrei. Il libro è interessante, la voce narrante è quella del figlio di una vittima degli attentati alle torri gemelle dell’11 settembre. Un bambino molto intelligente, che racconta la sua ricerca di informazioni sulla base di un unico indizio lasciatogli dal padre. Quello che non mi piace è il continuo saltare di palo in frasca tra i racconti del bambino e quelli della nonna e del nonno paterno, emigrati in America da Dresda dopo (o durante?) la seconda guerra mondiale. Non si capisce. Il nonno non parla. La nonna si finge cieca, ma non lo è. Hanno dialoghi surreali e inconcludenti. E poi questa storia del padre, cosa gli è successo sulla torre l’11 settembre? Cosa dice il suo ultimo messaggio lasciato in segreteria? Com’è che un bambino di 9 anni se ne va in giro per NY da solo a bussare alla porta di sconosciuti, tanto tranquillamente?

Insomma, non è che sono tanto entusiasta della lettura. Vado avanti e vi saprò dire di più alla fine.

molto-forte-incredibilmente-vicino

Annunci

2 commenti

  1. Anche io sto leggendo Jonathan Safran Foer (nel mio caso “Ogni cosa è illuminata”). E’ certamente impegnitivo, quello che leggi tu credo sia precedente, trovo interessante il tema delle cecità finta che ritorna (nel mio a essere un finto cico è il nonno). Questo è conisderato da tutti un capolavoro e devo dire che a me piace, anche se anche qui i salti tra le voci narranti e le storie diverse sono continui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...