Giorno felice #533

Partiamo dalle cose belle.

Ieri mio figlio ha partecipato al suo primo torneo di calcio. Si è svegliato prima del solito, tutto emozionato all’idea di partecipare ad un vero torneo e così tutta la famiglia ha dovuto alzarsi prima nell’unico giorno in cui potevamo dormire. Pazienza, per i figli questo ed altro.

Devo dire che mio figlio non è propriamente una stella nascente nell’universo calcistico. Corre a papera e ha la mira di un ubriaco, inoltre teme di essere preso a calci dagli avversari e di ricevere pallonate dirette al suo corpo. Questo significa che non solo non è capace di smarcare, ma che se un avversario gli si avvicina per prendere la palla, lui si fa educatamente da parte. E se viene, malauguratamente, messo in barriera, all’arrivo della palla, invece di fare scudo col suo corpo, si abbassa per timore di essere colpito, vanificando l’idea stessa di barriera.

primo torneoE’ stato bello vederlo emozionato, in divisa (a lui è toccato il numero 3, “Come Maldini!” è stato il commento ottimistico di mio marito), con gli amici. Ed è stato emozionante vederlo entrare in campo, giocare e sbagliare, correre e provarci. Lo vedevo che era emozionato da questa prima esperienza davanti ad una tribuna piena di genitori, a giocare contro bambini che non aveva mai visto prima.

La nostra squadra si è classificata sesta (in un torneo di 6 squadre) e sono felice perchè noi genitori l’abbiamo presa con filosofia, divertendoci e scherzando su quanto siamo schiappe, ma anche perchè gli organizzatori hanno dato una medaglia ad ogni bambino e Massimo sognava di vincere una medaglia da quando era piccolo piccolo.

 

Veniamo ora al resoconto di dieta e palestra.

La dieta procede bene, sabato sera ho mangiato la mia adorata pizza bianca, con funghi porcini e speck aggiunto a crudo da noi a casa. Avevamo invitato una coppia di amici con il loro bambino di 3 anni e.. posso lamentarmi? Ho conosciuto questa ragazza due anni fa al corso per l’HACCP necessario per aprire sia la mia attività che la sua (negozio di bomboniere) e ci siamo trovate simpatiche, tanto che abbiamo continuato a frequentarci. Per lo più andavo io a trovarla al suo negozio nelle mattine di commissioni e prendevamo insieme un caffè con cornetto, chiacchierando di famiglia e lavoro e ridendo molto. Alla fine abbiamo coinvolto anche le rispettive famiglie e abbiamo mangiato qualche volta insieme da noi e da loro.

I difetti sono due: il primo è che quando lei inizia a parlare, è difficile anche solo inserirsi. Questo a lungo andare annoia, perchè è bello quando si parla alternandosi, non quando una sola persona monopolizza le chiacchiere. Il secondo problema è che il loro figlioletto è un piccolo demonio. La prima volta che sono venuti a mangiare da noi, lui ha traumatizzato il nostro cane e ha morso un piede di Emma. Sabato sera è andata anche peggio. Si è messo a lanciare cose al cane, a sputare a Massimo, a picchiare Emma e ha rovesciato un bicchiere d’acqua, per fortuna solo su se stesso, il divano, il muro e mia figlia (noi temevamo per la tv nuova). In tutto questo i genitori lo richiamavano solo superficialmente, minacciando le peggio cose ma senza incutere un minimo di vero terrore (a dire il vero il bambino rideva in faccia alla madre quando lei lo richiamava). Va bene tutto, i bambini sono vivaci, ma li ci starebbe bene un esorcista.

bambino cattivoPeccato! E’ così raro avere amici a cena!

 

Resta solo l’allenamento di cui parlare….. ehm… sono a pezzi! Ma non così per dire. Sono proprio stremata. Ho arrancato sul tappeto per 60 minuti pensando ogni secondo di premere STOP e andarmene per sempre da li. Considerate che si avvicina il ciclo, che il coach mi ha pesata e ho perso solo 300 grammi (questo significa che il ciclo è davvero vicino) e che ho la schizofrenia a fior di pelle.

Passo rapidamente tra due stati, tra l’incazzato-volgare e il depresso-piagnone.

Nel primo caso mio marito ne paga le conseguenze più di chiunque altro. Uso più parolacce del solito per ogni singola frase. Mi innervosisco facilmente ed è un attimo che ti mando a quel paese.

Poi all’improvviso inizio a pensare in maniera distruttiva. Penso che non posso mangiare cose buonissime, come le bruschette, penso che un piatto di penne al sugo ci starebbero proprio bene al posto del petto di pollo coi funghi, e che quei biscottini, comprati per la cena con la mia amica, rischiano di rovinarsi senza qualcuno che li mangi e io mi offrirei proprio volontaria, ecco.

Penso anche alle mie colpe, che sto espiando con dieta e allenamento. Penso a cosa è andato storto quando ero riuscita a perdere 35kg e a pesarne meno di 100 dopo tanti anni, penso al perchè ho smesso di andare in palestra e mangiare bene, riprendendo tutti i kg persi più gli interessi.

Penso alla molla che è scattata in me a Disneyland, dove questa estate ho realizzato che era ora di porre rimedio per sempre alla mia condizione di obesa, affrontando il problema con serietà e determinazione. Ma non riesco a caricarmi pensando alle mie motivazioni. Penso piuttosto alle umiliazioni, come il non riuscire a passare attraverso i tornelli o all’umiliazione ancora maggiore di dover uscire da un gioco, sotto gli occhi di tutti, perchè non riuscivo ad allacciare la cintura di sicurezza.

Penso negativo e so che sono gli ormoni che stanno prendendo il sopravvento. So che devo resistere, che tra una settimana starò meglio, che smetterò di farmi mille paranoie, di aver voglia di piangere e di mangiare, smetterò di preoccuparmi perchè sono scesa poco e tornerò a lottare ogni giorno.

Per ora però devo sopportare, resistere e cercare di non uccidere nessuno.

ohm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...