Giorno felice #513

Finalmente è passato l’influsso malefico degli ormoni da ciclo e ho ripreso il pieno controllo sul corpo e soprattutto sulla mente.

I vaneggiamenti dei giorni scorsi, che mi hanno portata a frignare, con le lacrime agli occhi, lamentosi “Datemi un piatto di pasta!” ora mi sembrano stupidi e corrotti. Come un tossico in crisi di astinenza, imploravo per una dose di cui non ho davvero bisogno.

La verità è che io valgo più di un piatto di pasta.

Sto facendo un percorso importante, sto cercando di cambiare stile di vita, ma soprattutto sto cercando di cambiare le abitudini sbagliate di una vita e non è nè cosa facile, nè automatica.

Ad esempio devo abituarmi all’idea di non essere io l’addetta agli avanzi, il “bidone” di famiglia, perchè nulla deve essere sprecato. Se avanza qualcosa dal giorno prima, magari giorno di festa, non sono io che devo sacrificarmi affinchè qualcosa non vada buttato.

Devo abituarmi anche all’idea di non essere la più grassa in famiglia, cosa rassicurante per molte persone. Perchè io? Io voglio essere me stessa, in forma, normale, non quella che, poverina, non ha mai niente di carino da indossare. Non quella che, poverina, ha così un bel viso, peccato quei chili in più.

Devo abituarmi soprattutto al fatto che il cibo è nutrimento, non gratificazione, compensazione o strumento di piacere. Devo mangiare perchè è necessario per vivere e devo fornire al mio corpo le quantità necessarie di tutto affinchè sia sostenuta ed efficiente, affinchè io possa allenarmi e migliorarmi. Non una caloria in più, nè in meno.

Queste sono le mie vere sfide, non la perdita di peso. Quella sarà una conseguenza.

Per fortuna ho dalla mia parte due persone fondamentali, che mi aiutano e sostengono, che cercano di rendermi tutto più facile e  che hanno anche il gravoso compito di cercare di farmi ragionare quando sragiono.

Il primo è il marito, che si prodiga per calcolare le giuste combinazioni affinchè i miei, e suoi, pasti siano equilibrati e sani. Il marito ha assunto il mio regime alimentare, che lo sta aiutando con i suoi problemi di digestione e gli stanno facendo buttar giù quei chiletti di troppo presi a causa di una moglie che cucina male. Il marito mi sostiene, mi conforta, mi incoraggia e mi sostituisce quando sono troppo stanca per colpa del duro allenamento. Non potrei chiedere niente di meglio.

E poi c’è il coach, che mi sprona e mi motiva e mi sostiene. Lui è implacabile e duro, ma sa come spingermi a superare i miei limiti. Ieri gli ho mandato via Facebook questa foto, di una parte del mega buffet che hanno portato per la festa di ieri.

dipendenza da cibo

La foto è stata lo spunto per parlare della mia dipendenza da cibo, del fatto che devo capire che non ho bisogno di certe cose per stare bene, e anche del fatto che sarà questa la mia sfida più grande.

E il coach mi ha scritto:

Ci vuole tempo per correggere il tuo rapporto con il cibo. Ma sono sicuro che puoi farcela. E io sarò li ad aiutarti in questo percorso.

Lui non è Chris Powell, che ti abbraccia e lascia che ti sfoghi piangendo. Lui è più il tipo da “Fai altri 5 squat, che ce li hai nelle gambe!” e quando li fai, perchè davvero li potevi fare, lui ti dice “Bravissima, ottimo allenamento!” e l’orgoglio è grande e il sostegno è tanto e nei momenti di debolezza mi ricorda che sono una persona migliore di quello che sono abituata a credere.

Detto questo, il sereno è tornato. Non mi viene più il magone al pensiero che il prossimo piatto di pasta lo mangerò a Natale, perchè so che a Natale starò molto meglio rispetto ad ora, perchè so che quello che sto mangiando va benissimo per me, per aiutare il mio corpo a perdere i chili in eccesso, per diventare la persona che merito di essere.

E quando lo sarò diventata, ci saranno due persone che dovrò ringraziare più di tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...