Giorni Felici

Giorno felice #501

Per l’iscrizione in palestra mi è stato chiesto il certificato medico per la pratica di attività non agonistiche. Così sono andata dal mio medico di famiglia per farmelo fare.

Ho dunque subito il FURTO di 40€ per un pezzo di carta senza che mi sia stata fatta alcuna visita medica a comprovare quanto dichiarato. Il dottore mi ha solo misurato la pressione, perfetta, e non mi ha neanche auscultato il cuore. Però mi ha fatto la fattura e mi ha dato il consiglio del secolo “Però in palestra NON fare sforzi, sennò ti affatichi.”

NIENTE SFORZI

Li per li mi è venuto da ridere, pensando a quando l’avrei riferito al coach. Poi ci ho ripensato, soprattutto collegandola al secondo consiglio del dottore: “Vedi come va, ma se non riesci a dimagrire torna che ti faccio fare una visita dal cardiologo”. E perchè dovrei fare una visita dal cardiologo se tu mi hai fatto un certificato di sana e robusta costituzione senza neanche sentirmi il battito?

E ho pensato che l’obesità è un business per troppi e che anche i medici hanno solo convenienze dall’avere tanti pazienti obesi.

Io mi sono sempre rivolta a dottori per curare il mio sovrappeso, prima, e la mia obesità, dopo. Nessuno di questi ha mai insistito per farmi praticare una seria attività fisica. L’unico loro scopo era che non dimagrissi troppo in fretta. Ti mettono in mente questa idea che se dimagrisci troppo rapidamente, poi riprendi tutti i kg, ma poi ti mettono in testa che la soluzione è fare l’inserimento di un palloncino o un bendaggio gastrico, che ti fanno scendere 20 kg in un mese. E quello non è scendere troppo in fretta?

Ti mandano a fare controlli su controlli e se non hai nessuna disfunzione che giustifichi il tuo eccessivo peso, semplicemente ti tagliano le calorie, ma non ti correggono l’approccio alimentare o l’aspetto psicologico del problema.

E intanto tu paghi. Le analisi. Le visite. I controlli. Paghi per non dimagrire.

Ti danno una dieta da 1200 kcal quando sarebbe più onesto e corretto dare una dieta da 1800 kcal aggiungendo una buona attività fisica che non solo ti aiuta a bruciare qualche caloria in più, ma ti aiuta a conservare intatta la massa muscolare, facendoti perdere kg solo di massa grassa e, stimolando la muscolatura, ti aumenta anche il metabolismo basale, aiutandoti quindi a bruciare sempre di più. Inoltre l’attività fisica aiuta a sfogare ansie e nervosismi e frustrazioni che spesso sono proprio la causa dell’aumento di peso. Io non sono mai riuscita a dimagrire serenamente solo con diete troppo drastiche, che non facevano altro che aumentarmi il nervosismo e spingermi a mangiare di più.

Fior fior di nutrizionisti che sono bravissimi a contare calorie, ma pessimi nel consigliarti uno stile di vita più sano. Dottori che ti dicono di fare attività fisica, ma leggera, che non serve a niente. Una attività fisica leggera, la famosa passeggiata quotidiana di 30 minuti a passo sostenuto, aiuta sicuramente i normopeso che fanno vita sedentaria, i pensionati che rischiano di lasciarsi morire davanti ad una trasmissione di Barbara D’Urso, ma un vero obeso ha bisogno di bruciare DAVVERO calorie e la passeggiatina, da sola, non sarà mai sufficiente.

Ricordo quando sono andata al più grande centro della zona che cura i disturbi alimentari, perchè avevo ripreso 10kg dopo averne persi 35 col mio attuale coach (fondamentalmente lui aveva smesso di seguirmi perchè ha iniziato a girare il mondo per corsi di aggiornamento e io non ero ancora arrivata al mio peso forma, dopo 2 anni e tanta fatica). Ho spiegato ai dottori (nutrizionisti, endocrinologi e psicologi) che volevo riprendere l’attività fisica intensa che facevo quando riuscivo a dimagrire e loro me l’hanno sconsigliato, perchè pericoloso e dannoso. Io non sono mai stata così bene, fisicamente, in forza e piena di energie come quando mi allenavo intensamente col mio personal trainer. Come potevano dirmi i dottori dell’ospedale, quelli specializzati nella cura di persone obese, che quel tipo di attività fisica era troppo?

E adesso, che sto seguendo una alimentazione consigliata dal personal trainer e sto facendo una buona attività fisica e sto scendendo 1kg a settimana, ho ridotto le medicine per lo stomaco, che prendo quotidianamente da gennaio. E quando l’ho detto al mio medico, lui mi ha detto che devo prenderle lo stesso, perchè la mia ernia iatale è grave. Ma io non ho più disturbi, non ho più il reflusso, nè dolori di stomaco. E perchè non mi ha semplicemente detto, mesi fa, che alle medicine dovevo abbinare anche una alimentazione corretta? Io gliel’ho chiesto espressamente, se ci fosse qualcosa da non mangiare e lui si è limitato a dirmi che se prendevo le medicine potevo mangiare tutto, solo che non dovevo abbuffarmi.

E’ quindi come dico io? Un modo per speculare?

Ora, io ho avuto la fortuna di incontrare questo ragazzo che mi ha dimostrato con i fatti che posso dimagrire bene, in maniera sana, senza medicine, senza fare la fame, facendo una corretta alimentazione e una giusta attività fisica che mi aiuta a scendere il grasso, non la massa muscolare.

Ma un obeso qualsiasi, che non ha avuto il coraggio di mettere piede in una palestra (e dipende anche dalla palestra dove vai, perchè non tutti gli istruttori sono qualificati e motivati) ma che si è solo rivolto al suo medico di famiglia, che speranze ha?

Che rabbia.

Annunci

2 thoughts on “Giorno felice #501

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...