Giorni Felici

Giorno felice #346

Lo ammetto, io non sono una persona molto credente. Non sono di quelle che mettono in discussione la chiesa, ma proprio l’esistenza di una qualche entità superiore che ci ha creati e che muove le fila delle nostre Vite, pronto a giudicarci alla fine dei giorni.

A tratti Credo, a tratti no. Sono una lucetta natalizia della Fede. Ammetto di essere una persona poco coerente, mi sono sposata in Chiesa e ho battezzato i miei figli e, nei periodi difficili, ho cercato risposte in questo Dio che riempie le piazze come una rockstar. Le risposte non sono arrivate quasi mai. O forse sono io che non sono mai stata capace di ascoltare bene, bò!

Comunque, ieri c’è stato un segno, è successa una cosa proprio da film.

Passava la processione del Corpus Domini, proprio davanti al Planet e mentre avevamo una festa. Io ero preoccupata per la questine dei parcheggi, perchè c’era divieto lungo tutta la strada e gli invitati hanno dovuto parcheggiare lontano. La processione passava dopo le 19 e, speravo, prima delle 20.30 in modo da permettere agli invitati di andare via comodamente.

Erano quasi le 20, ero stanca morta e non vedevo l’ora che la gente tornasse a casa, mia madre aveva preparato un cuore e una croce in mezzo alla strada, utilizzando foglie e fiori, i bambini aspettavano la processione sul ciglio della strada, dal mare ci avvicinavano nuvoloni neri e ogni tanto c’era qualche lampo. Poi finalmente arriva, la processione, con i canti e le preghiere e la puzza di incenso.

E proprio mentre i primi chierichetti passavano davanti al Planet…. si sono aperte le cataratte!

il segno di dio

Non è che ha semplicemente iniziato a piovere, si è proprio aperto il cielo buttando giù acqua a secchi. I chierichetti che precedevano di pochi metri il baldacchino con il Corpus Domini hanno sorriso alla novità… per un attimo. Poi una mamma ha catapultato la figlia sotto la pensilina del Planet e, dopo 30 secondi, mi sono ritrovata la processione all’interno.

Ho cercato di dare asilo a quanta più gente possibile, ma si sono fermati tutti all’ingresso, il Parroco ha deciso che all’interno c’era troppa confusione (leggi: gonfiabile) e così ha messo il Corpus Domini sulla Cassa, ha preso il microfono in modo che lo sentissero anche da fuori e ha continuato a pregare e a far pregare.

Mezzo paese era li, bagnato fradicio, ad osservare stupito le immagini dello spazio.

corpusdominiCon il Corpus Domini proprio accanto all’albero dei palloncini.

Mia madre era entusiasta: “Gesù è venuto da voi! E’ un segno! Non era mai successo!”

Mio padre scattava foto e faceva video, pensando alla immensa pubblicità.

Mio marito era infastidito dall’invadenza anche un po’ violenta della gente bagnata.

Io ero preoccupata che nessuno scivolasse sul pavimento diventato pozzanghera.

I bambini…. i bambini hanno continuato a giocare sullo scivolo e con le palline.

Insomma, io non lo so se è un segno, ma oggi tutto il paese parlerà della Processione al Planet!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...