Giorni Felici

Giorno felice #104

Scrivo in anticipo il post di domani mattina, perchè domani sarò in viaggio e voglio comunque raccontarvi il mio 104° giorno felice.

Oggi sono stata indaffarata con gli ultimi preparativi per la partenza, però incredibilmente sembra che il grosso sia stato fatto. Manca da mettere in valigia solo le ultime cose, quelle che dobbiamo usare prima di andare a dormire, come gli spazzolini, il deodorante, le ciabatte, l’antibiotico e la macchina per l’aerosol.

Quindi oggi mi sono dedicata alla casa, perchè ho pensato bene di metterla a posto e pulirla, in modo che al nostro rientro, tra una settimana, non sarà un campo di battaglia.

Ho passato la mattina a piegare i panni asciutti, a passare la scopa e lo straccio… e a predicare tutto il tempo per il caldo africano.

Ma quanto fa caldo? Ma stiamo scherzando? Ma non basta? Personalmente non ce la faccio più, sto il più possibile tappata in casa con il condizionatore acceso, ma nelle camere non arriva, quindi li c’è il clima di Nairobi e qui quello di Londra. Non vedo l’ora che siano le 4 di questa notte per fuggire da questa caldazza disumana.

Ma veniamo al momento felice: oggi i bambini hanno pranzato sotto dai nonni e io e mio marito abbiamo consumato un pasto rilassato, silenzioso, da adulti.

Non è stato così romantico, non ci siamo fatti le coccole e non c’erano fiori freschi, ma c’era una pace, una non fretta che valevano più di tutto il resto.

Adoro i miei figli, ma a tavola mi chiamano in continuazione e io finisco col mangiare senza accorgermi di averlo fatto davvero, perchè le loro voci e i loro bisogni sovrastano ogni cosa.

Oggi abbiamo chiacchierato, abbiamo ascoltato un po’ di TG, solo le parti che ci piacevano, mi sono alzata da tavola solo per prendere la frutta e abbiamo sorriso al cane, che attendeva i nostri avanzi pazientemente.

Paolo dice “Ecco come poteva essere la nostra vita” e io me la godo, anche se solo per una ora, ma con la profonda convinzione che senza Massimo e Emma la nostra sarebbe stata si una Vita più tranquilla, ma anche molto, molto più noiosa e vuota.

Così mi basta un pranzo da sola con mio marito per farmi apprezzare ancora di più la gioia, l’allegria, il casino e la fresca vitalità dei miei due bellissimi figli.

Questa notte si parte, avremo una piccola connessione, ma non so quanto potente. Forse riuscirò a scrivere un pensiero felice al giorno, forse no.

Comunque li annoterò per un resoconto tra una settimana.

Val Pusteria: ARRIVIAMO!

Annunci

One thought on “Giorno felice #104

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...