Giorni Felici

Giorno felice #73

Ieri è stato il terzo compleanno di Emma, la mia bambina. Com’è cresciuta e com’è passato il tempo!

Era così felice che fosse il suo compleanno, ieri, che si cantava Tanti Auguri da sola. E lo ha fatto ancora di più quando ha ricevuto il nostro regalo: il microfono per cantare!

Ma ha anche ricevuto una bella cucina dai nonni paterni, con la quale si è subito messa a cucinare frittelle, caffè e patatine fritte (in questo momento sta lavando i piatti).

Non abbiamo fatto una festa vera e propria, perchè lei non ha ancora amichetti. Così dopo pranzo sono saliti i miei e abbiamo mangiato una mini torta gelato. E la sera siamo stati in gelateria a mangiare tutti una coppa gelato.

Certo, se avesse fatto caldo come qualche giorno fa, avremmo apprezzato di più il gelato, ma non mi metto certo a disprezzare il fresco!

Mangiare una coppa gelato era il n°40 della mia lista di cose da fare questa estate, ma devo dire che ne ho ricavato meno soddisfazione di quanta pensassi. Il problema è la concentrazione. Dovevo contemporaneamente aiutare Emma che faceva capricci perchè voleva o solo la cioccolata, o solo la panna, o stare in ginocchio, o fare da sola, ecc. Dovevo controllare Massimo che non si sporcasse (e non l’ha fatto, incredibile!). E, a parte mangiare la mia favolosa coppa con le fragole, intrattenere un minimo di conversazione con i nonni e gli zii.

Insomma, non mi sono gustata il gelato.

Però mi sono divertita, perchè ho portato cappellini a cono per tutti ed eravamo una colorata tavolata che festeggiava una bella bimba.

E chi passava si girava a guardarci. Perchè, per quanto non sia stata una festa vera e propria e neanche niente di particolare, vedere 11 persone attorno ad un tavolo, tutti con i cappellini in testa, anche il nonno burbero che “chi me lo doveva dire, a me, a 74 anni, col cappellino in testa” cantare Tanti Auguri ad una bimba che si commuove è una cosa che fa girare le persone e che fa sorridere.

Basta poco per fare una festa.

Ma la cosa che mi ha fatto ridere di più in assoluto è stata questa foto, fatta nel pomeriggio, in cui ci sono tutti e tre i miei figli, cane compreso. L’espressione di Nick mi fa morire dal ridere ogni volta che la vedo.

E’ incredibile come questo cagnolino, preso al canile il 9 febbraio scorso, sia diventato parte della nostra famiglia. I bambini lo considerano un fratello e lui ci vuole bene, si vede in ogni cosa che fa. Ho sempre avuto un cane, da piccola, ma stava fuori in giardino, quindi il nostro rapporto era più superficiale. Avere un cane in casa è una cosa completamente diversa, molto, molto più bella. All’inizio ero fredda nei confronti di questo cane, adesso sono felicissima di averlo accolto con noi, di averlo come compagno di giochi dei miei figli, di portarlo con noi in vacanza e anche di farlo dormire in camera con noi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...